Bienvenido

      Traccia 01
      Traccia 02
      Traccia 03
      Traccia 04
      Traccia 05
      Traccia 06
      Traccia 07
      Traccia 08
      Traccia 09
      Traccia 10
      Traccia 11
      Traccia 12
      Traccia 13

hqdefault
1 INTROTERRA
2 BIENVENIDO EN LA RESERVA
3 DI VEDETTA SUL MONDO
4 OHI MAMA
5 VIAGGE DENT’ E FORE
6 TIEMPE UGUALE
7 POLI(S)TICA
8 L’OCEANICO
9 ZOBI LA MOUCHE
10 FURTURELLA
11 UNGARETTI
12 RUMORE DI FONDO
13 FUGGITA DAL NULLA

 


1. INTROTERRA (Music: A. Iezza)


2. BIENVENIDO (Music: R. Napoletano – Lyrics: F. Russo)

Hai mai visto la provincia, dove sai tutto comincia, il giorno è più lento tra queste strade senza vento. Praticare queste strade o
coltivare le contrade per sparire sotto il sole e ritrovare due parole per spiegarti poca gente ai cambiamenti indifferente;
ruota che gira la sera uguale a quella prima. Ma oggi, prego, facce nuove vengan qui da ogni dove, una riserva mi consenta….
e la riserva…

Da lontano il vagabondo, lungo il suo giro del mondo, incontra un miraggio…ecco la sosta del suo viaggio. “Bienvenido en la reserva”,
“Bienvenu pour totut le jours” << Abitanti >>… << All right, all right >>. Qui ritrovo il mio passato, il sentiero che ho tracciato;
il futuro e la memoria, i pilastri della storia. Vivono in questa città parole, suoni e musica: Mi prende, mi assale…
e la riserva…

BALLA, BALLA, BALLA! BALLA, BALLA, BALLA
SEGUI QUESTA SEGUI QUESTA
DANZA,DANZA, DANZA! DANZA,DANZA,DANZA!
SEGUI QUESTO GIROTONDO SENTO LA TUA VOCE CHE DICE:
VAGABONDO GIRAMONDO “BIENVENIDO! ”

Tra di noi vive lo “Zanna”, il più bello della banda; nella capanna, scrive e
chiude la serranda. Tra una trota ed un rullante, nella cinquecento blu “Sir Amur”
ti dice: “Guarda c’entri pure tu”, “Basko” vive in “Via del Basso”, ancorato con un sasso dentro le tasche così lui non può
volare. “Zephiro” riempie le sue guance e i suoi polmoni… attento se soffia…
e la riserva…

“Maya” suona la sua voce, il contagio è più veolce: morso fatale, veleno che non fa mai male. “Pacha Mama” canta da una
settiamna; cerca parole ancora da seccare al sole.
E’ un’ipnotica cadenza, viaggia di onde sublimi questo villaggio, superamento dei confini, Non c’è alcuna recinsione, tutto è
contaminazione in questo villaggio…
e la riserva….


3. DI VEDETTA SUL MONDO (Music: R. Napoletano – Lyrics: F. Russo)

In questa stanza chiusa che caldo soffocante. Tra libri, dischi e affetti
coloravo la città.
Il mondo tutto intorno non è poi così distante, Seduto in questa
stanza, si parte via di qua!

Andare, ma dove, non posso restare in quel che tengo in testa, lo voglio vedere, guardare
toccare, cambiare il suo profilo se posso salto il
fosso, canto a più non posso!

LIBERTA’! LA MIA CANZONE SUONERA’
PER UN TEMPO NUOVO FATTO DI CUORE E SUDORE.
LIBERTA’! LA MIA RIVOLTA RIUSCIRA’.
UN VENTO NUOVO S’ALZA, SOFFIA DENTRO LA MIA STANZA.

Un tuffo dentro al rosso di un frutto spaccato
La parte buona la mangiamo, la cattiva la ignoriamo.
La ruota ruota forte, ma c’è sempre chi la muove,
a chi regala indifferenza, offriam la nostra danza.

Difendo la mia idea di vita vissuta
La voglia di cantare delle farfalle il volo.
Difendo la mia idea di vita sognata. Facciamo libertà se siamo cento, mille
e uno!

C’è un universo chiusa dentro me… Che scalcia perchè vuole uscire
Vuole andare a
incontrare quel mondo intorno, che sta
FUORI DI QUA!


4. OHI MAMA (Music: R. Napoletano – Lyrics: F. Russo)

Ohi mama ce si fatte sbajate, tu nun te la pija a male j me
sento già stunate.
Ohi mama quanta ggente ‘nnanze all’uocchie, vanne tutte, verso addo? Nisciune le sa, nisciune le sa!
Ohi mama può saj ‘na scalinata, ma po’quanne si arrevate te può
sule jettà abbasce.
Ohi mama chella seggia si scallate, ce si gerate e ‘rreggerate, nuvanta
croci te si ‘ccattate!

Ohi mama, è pronta questa messa in scena! Ohi mama,
attenti stiam per cominciare!

Ohi mama è questa scatola nera, che gira gira ogne sera
rapisce l’uocchie e me cattura.
Ohi mama è quist munn che m’entra dent’a la casa ogne mument’,
allucca ma tu nen ru sient.
Ohi mama quante belle ballerine, mi fermo fuori, faccio ascolto,
che ce sta dènte nisciune le sa!
Ohi mama guardo pianti intelligenti, e l’occhio del grande fratello sa tutto di noi, sa tutto di noi.

Ohi mama, questo teatro è tutto pieno! Fra poco applaudirò poi me ne andrò!

OHI MAMA, (OGNI CANALE LA STESSA STORIA)
NEN SACCE ADDO’ VUONN’I A FENI’.
OHI MAMA, (MANDO QUESTO ATTREZZO IN GLORIA)
STU MUNN’ ME VO FA MURI’ (VA IN ONDA LA COMMEDIA UMANA!)

Ohi mama è l’ora della grande guerra, vulesse sapè chi ce l’ha
chiesta vulesse sapè la vera ragione.
Ohi mama non ci sono paladini, sule ggente senza palle ca nen vò dice la verità!
Ohi mama ciò che muove pace e guerra è oro giallo, oro
nero, sò verdi biglietti, sò trenta denari;
Ohi mama ciò che muove pace e guerra suò sule loro grandi
attori ‘ngoppa a la scena de sta cummedia!

Ohi mama devo dirti anche grazie per l’amore che ce fa
crese e se ne va quanne si cresciute.
Ma mama chiedo ancora quanta tiempe devo vedere, sopportare, ingurgitare questo show.
L’eterno show della commedia umana, io lo rifiuto, l’audience è caduto, non lo guardo più!


5. VIAGGE DENT’ E FORE (Music: R. Napoletano – Lyrics: F. Russo)

L’aba che sòrge guardame, mò se parte! Scennème le scale, che fretta, voje arrevà.
Ru zaine… strumiente… se parte! Parte pè ‘addò! Sta casa lassame da parte,
cammename.
Chi sa se magname, tenème fridde, che ce ne ‘mborta, jame.
Chi sa chi ci’ aspetta, chi sa chi ci’ aspetta, aspetta nu poche,
voje vedè
se truame nu piezze de vija, Fòre e dènte nen sacce,
cerco
Fòre e dènte nen sacce a sta capa meja, cerco!

Mille a mille distanze se ne vanne. Stème, Steme luntane nen sème
maje arrevate a stu punte.
Perdute ‘n zapème cosa fare: jame, jame, jame, nen penzame.
E quiste è ru belle, ferma ru tiempe quille orologgie jetta
mmièz’ a na via de periferia, nisciune ru vede, jèttaru.
E mò ce ne jame segime sta vija, dènte la tenge, ‘n gapa.
E’ quiste ru viagge è chesta canzone, dènte la tegnhe.

SE PRECISO IL CERCHIO TU DISEGNERAI
DA DOVE VIENI SAPRAI DOVE ANDRAI.
CON PASSO PIù FERMO SAPRAI GALOPPARE
LO SGUARDO IN AVANTI NON POTRAI PIU’ FERMARE!

Viagge fòre, vioagge fòre e dènte, ogne juorne viaggia ru cervielle.
Fumi, colori, vapori nen serve a niente se penso mi accorgo ca giro velocemente.
Ru cerchie s’allarga, ru cerchie se stregne, ru cerchie mantè fermo.
Sacce addò venghe, nen sacce addò vaje; ma sempre proseguo dritto
che tutte ri mezze, che tutte le ggènte, gruosse e peccerille, canto
E canto di tutto, nu canto globale, convinto ru cante.

Viagge fòre, viagge fòre e dènte. Ogni passo sembra ‘na scuperta.
Terra fòre e dentro l’universo, ru munne me punta nu dite dent’a ru core…
Dèntr’a ru core se ‘nfonne ‘na curiosità, somte ru campe, e parto.
Nnanze me scorre ‘na strada continua, che sale e che scènne, volo!
E se l’ale sò stenche, ru fiate s’accorcia, me ‘uarde attuorne e penso
che è ora che fermo i piedi per terra…sul vero!


6. TIEMPE UGUALE (Music: R. Napoletano – Lyrics: F. Russo)

Uomo: Oh, bella mia che lavi quattro stracci dentro al fiume, ogni pausa delle bombe la devi sfruttare.
A casa sei da sola, manca la calma, l’acqua e il pane; la luce se ne andata chissà quando tornerà?

Donna: Mio caro che parli dal tempo del progresso dove seduto in poltrona quel che chiedi arriverà:
è vero quattro stracci si son fatti soldi e affari ma attient’ che stu mele s’appiccica su le mani.

U: Ti trovo, poi ti lascio, mi ritrovi, poi te ne vai! Tutto sembra strano, ma siamo un pò più in libertà.
Spesso siamo un momento, momento che arriva e poi se ne va. Ma dentro questo tempo siamo la fecondità.

D: La notte, chiusa in casa, lavoro al mio ricamo, la dote mi hanno chiesto se mi voglio sposare!
Stancamente sveglia io l’attendo alla finestra. Domani c’è il lavoro, fatica più forte delle mie pene.

TIEMPE UGUALE, MA NU’, NO NEN CAGNAME MAI
TIEMPE UGUALE, NU FATT’ S’ACCONCIA, N’AT SE SCONCIA
TIEMPE UGUALE, PUTESSE TURNA’ ARRET’,
TIEMPE UGUALE, MA E’ MEGLIO CA VAJE ANNANZ’
TIEMPE UGUALE, SE RU MEGLIO è MIGLIORAT’
TIEMPE UGUALE, RU PEGGIO è PEGGIORAT’
TIEMPE UGUALE, LA STORIA è SEMPE CHELLA
TIEMPE UGUALE, TIEMPE UGUALE.

U: Aspetta, asppetta e spera, chissà mai se mai se poi si avvera vediamo allora cosa in questo tempo e poi cambiato.
Il progresso lo vediamo tutti i giorni impertinente, e di questo noi godiam perchè vivam più facilmente!

D: Ancora un altro giorno, gambe gonfie di lavoro, la schiena si è incurvata, non son più bella come vuoi.
E adesso che mi aspetta, nuovi figli da allattare e lui ancora non si vede, chissà quando tornerà?

U: Ma l’animo dell’uomo, quello no, non è cambiato, è affamato come allora di prestigio e di potere.
Non è più tempo ciclico ma è tempo orizzontale e se il meglio è peggio, il peggio è meglio… tiempe uguale

D: Primavera, l’estate, cade la foglia, viene l’inverno,moriamo per mangiare, poi dal grano alla farina.
Viene l’uva, il vino, l’ebbrezza, la gioia, la vitalità la neve ci chiude in casa, gira la ruota e si vedrà!


7. POLI(S)TICA (Music: R. Napoletano – Lyrics: F. Russo)

Di qua, di la, ne muovo colorate: sul mio tappeto io guido le mie armate.
Tam, tam! Bum, bum! Con queste cannonate se va così generale mica male!

DAI GIOCHIAMO TUTTI INSIEME!
GIRO GIRO TONDO, CASCA IL MONDO, CASCA LA TERRA TUTTI GIU’ PER TERRA!

E’mio, no mio …. mamma vieni a vedere l’amico qui, mi fruga nel paniere!
Ma dai, ma dai, ma lasciami giocare mi prendo quel ch’è mio e non ci voglio pensare!

Poli(s)tica…è che siamo un po bambini; la gente fuori gioca ma noi le figurine!
Poli(s)tica… torniamo un po bambini; sul naso che portiamo gli sporchi pannolini!

Poli(s)tica… c’è tutto da obbiettare le favole son fatte per qualcosa da imparare.
Poli(s)tica… c’è solda guadagnare le favole son fatte per metterci a dormire!


8. L’OCEANICO (Music: R. Napoletano – Lyrics: F. Russo)

Benvenuti in Oceania! La smania dilania teste in emicrania con gli occhi sulla folla, che corre, saltella,
la presa non molla costringe i pensieri chiusi in una ampolla di un mago con lo scettro
Dal millenovecentottantaquattro con dietro uno spettro chiuso in un ventiquattro, ruba di soppiatto con
studiato tatto la tua eterodossia, propone la sua di ortodossia a chicessia, nella malsana frenesia
dell’occhio, ranocchio, prezzemolo e finocchio nello specchio senza remore, mi ci butto mi
ci ficchio. Senza far rumore sussurra apparenza. Senza riluttanza, con schietta arroganza,
controllo tutto uno schermo in una stanza.

Invento un tipo! E’ questo governo mediatico a proporti un vero affare, ma chi te lo fa
fare di buttarti controvento. Non expedit, non giova, non è questa la tua prova. Attento!
Non farti piegare, ti invitiamo ad acquistare il nostro nuovo prodotto, un profumo da letto
per un amore soddisfatto. Non è quello che volevi per sentirti bene accetto?

CLONAMI, PRENDI ME, ME, FRATELLO ME!
CLONAMI LO SCHERMO MI RIFLETTE CON ETERNO SCHERNO.
CLONAMI, CLONAMI,CLONAMI, CLONAMI!
CLONAMI, PER LUI LA FORMA E’ PIU’ IMPORTANTE.

Ma prigioniere, dico a te! Questi ceppi che non vedi incatenano anche me al palo delle
banalità, al banco delle futilità. Catturato da un immagine venduta con la più grande cura, che
andrà bene finchè dura, finchè nuova creatura apparirà su queste mura, allora tutto da rifare, di
nuovo a ricomprare tutto quel che hanno deciso di cambiare. Rispondo ai tuoi perchè; affitta questo
spazio per piazzarci i tuoi clichè. Tanto prima o poi qualcuno di sicuro passerà, vedrà, vorrà… Et les
jeux sont fait, un altro clone eccolo qua. Clonazione in corso da copertina di giornale, da manifesto
elettorale, da fumetto di Glocanda dove piove sopra Dylan, dal vestito tutto uguale una folla in
smoking nero, pronta per il funerale.

E conosciamo il vostro metro di giudizio, molto spesso è il pregiudizio verso chi non si
assoggetta,verso chi non si accontenta di fare l’uccello in una gabbia, verso chi non
fa lo struzzo con la testa nella sabbia dell’uguale, ma sta sotto il temporale, se lo
prende e non fa male. Mentre voi al riparo dall’oblò anche in digitale sbavate
incuriositi dai regali di Natale.

Spostati, da questo cono d’ombra Proiezione di un’immagine, tipo artificiale. Spostati, non è
quello che sembra. Ciò che lento striscia, di fronte a te. Placati, nell’emisfero australe.
Situzione confortevole, fuga dal reale. Placati con calma funzionale. Torna fisso dentro te, di fronte a me.


9. ZOBI LA MOUCHE (Music: R. Napoletano – Lyrics: F. Russo)

Mi han chiamato Zobi ma se non ti sta bene chiamami come vuoi. La mouche dai mille occhi avanti e
dietro vedo, ora son fatti tuoi! Avanti e dietro vedo che non mi va d’incontrare guai. La natura del mio
mestiere è fare centro dentro e infastidire tutti voi!

ZOBI, ZOBI LA MOUCHE! ZOBI, ZOBI LA MOUCHE!

Vù m’chiamate Zobi Ouì, c’est moi la mouche très louche. mi vien da dare noia a chi non sa o non
vuol darmi la gioia di lasciarmi sguazzare nei suoi piatti astratti senza protestare. E rempo l’equilibrio,
rendo instabili quei quattro umori tuoi.

Zig zag… e fare centro dentro al piatto … Zac zac…buttarmi nella gola secca..
Zac zac, nel bel mezzo di un disprezzo che non fa vedere il prezzo del mio tiepido olezzo.
Zig zag, tra quelle calze, sotto gonne, in quelle stanze di ragazze… via alle danze!
Eccola là – sul tuo bel cappellino nero! Eccola là sul tuo bell’orecchino d’oro!
Eccola là – gira intorno alla testa, svelata ti sta a fa la festa, ancora poco resta.

E se mi chiamate Zobi non diffidate delle mie capacità di non farmi schiacciare dal pesante fardello
delle assurdità. Nelle vostre assurdità annega la vostra e bella città guardatevi sempre alle spalle,
potrei stare sempre qualche metro dietro di voi!


10. FURTURELLA (Music: R. Napoletano – Lyrics: P. Cinquegrana)

Tien”a vetella comm”a vucchella Furtuè peccerenella,
peccerenella Furturè
Che dice, che faje, che pienze m”a daje? Furturè
Io moro moro, io moro moro, io moro moro, io moro moro, io moro
moro, io moro moro, io moro moro, io moro pe’ te!

Eh – He – He -He UH QUANT’è BELLO A FFA AMMORE CU TTE
AH – AH – AH – AH; AH QUANTA VOTE TE VOGLIO VASA’

Tien”a vetella comm”a vucchella Furturè peccerenella, peccerenella Furturè
Che dice, che faje, che pienze ma daje? Furturè
Io moro moro, io moro moro, io moro moro, io moro moro, io moro
moro, io moro moro, io moro moro, io moro pe’ te!
‘Sta bionda trezza chien’ ‘e bellezz’ Furture, guardà nun pozz me fa ascì pazzo Furturè
Che dice, che faje, che pienze m”a daje? Furturè
Io moro moro, io moro moro, io moro moro, io moro moro, io moro
moro, io moro moro, io moro moro, io moro pe’ te!


11. UNGARETTI (Music: R. Napoletano – Lyrics: F. Russo)

Jesce sole, ‘ngoppa a case cadute, terre bruciate, mure crepate
Jesce sole, ‘ngoppa a la gente che trema, for a ru fridde, brucia paura.
Guarda sole ‘na mamma bella che chiagne: nu fije ha perdut, se ru so purtat.
Guarda sole, quist’ om chin d’fang, ‘mmiez a ru sang, rusc’ seccato.

Jesce sole, ‘ngoppa a ssì muort caduti, dent a stu fuoss, me stann vicino.
Jesce sole, ‘ngoppa a mme ca steng sott a ste fronne, tutte bucate.
Guarda sole, quill criatur che corre, vò pazzià, non pò scuppià;
guarda sole, nu curpciell’ che vola, l’odio dell’omm, n’ce fa pazzià.

Pecchè j l’eja vedè?

I NEN CAPISC BUON Pe’ QUAL MUTIVA Nù C’HANN’ PIGLIAT E C’HANN’ PURTAT QUA.
E C’HANN BOUN ARREGNUTE D’ARMI E MUNIZIONI, E C’HANN DITT “NEN TE NE FOTTE E SPARA
A CHILL’LLA'”!
I NEN CAPISC PO’ PECCHE’ CE SO VENTU MA PO’ CHISS’ATR A ME CHE CAZZ’ M’HANN FATT?
A ME CHE SO SUL ‘UAGLIONE DE PAESE E SO LASSAT FAMIJA E TERRA PE’ VENI’ A MURI’!

Jesce sole, ‘ngoppa a la ggente distratta, ‘mmiez a ru munn’, scappa e nen pensa.
Jesce sole, ngoppa a nù ca stem buon, rapece l’uocchie, c’abbaglia la luce.
Luce evra ‘ngoppa a nu menn’ luntan, tropp’ vicin, ma ce ne fregam’
Jesce sole ‘ngoppa a case cadute, terre bruciate, mure crepate.

Jesce pure pè mme!

Jesce sole ‘ngoppa a stu povere criste’ nen l’ha, vuluta nen l’ha cercata
Chesta guerra ‘nfame, ca ru mette frate contr’a frate.
Jesce sole ‘ngoppa a stu povero cuore, nene riesc a capì, nen riesce a vedè
ggente ca nen c’entra niente, faccia a faccia a nu fucile.

Oh, Marò, fà ascì stu sole ‘ngoppa a ‘sti ccase abbrusciate.
Fall’ascì pè sti ccriature e pè chistu core e mamma.


12. RUMORE DI FONDO (Music: R. Napoletano – Lyrics: F. Russo)

Avolte sai ti sorprende la mare, che trascina via poesia , e le tue impronte.
Continuerai a vamminare? La sabbia che scotta non potrà fermare la tua lotta.
Correrai, volerai! Nave libera ecco la tua via.

CORRI, SOPRA LE ACCUSE DELLA GENTE CHE INCONTRI NON CI PENSARE AD EVITARE GLI SCONTRI.
QUESTO RUMORE PRESTO SI FERMERA’… E PARTLERAI TU!
SALTA LA CONVENIENZA DI AVERE RISPOSTA PER OGNI SINTOMO CHE S’AGITA IN TESTA
RUMOR DI FONDO CHE SI RISVEGLIEA’— E GRIDERAI TU!

Salirai, sudore sulla pelle tua che scivola in basso. No! Non guardare,
e scoprirai che c’è oltre. E’nel tuo pensiero il coraggio più sinvero.
Provaci, credici! Salto a ostacoli, volo libero.


 

13. FUGGITA DAL NULLA (Music: R. Napoletano – Lyrics: F. Russo)

Perchè sarai fuori e dentro me, ma poi chi ti
ascolterà Mura distrutte, clamori e rancore, regali
per te. Genti distratte, la voce degli altri calpestaa la
tua, ma grida più forte se vieni e per farti sentir.

Cos’è che ti canterò la sera? Con cosa ti calmerò?
Canto l’incontro, lo scontro, disastro e menzogna d’autor, falsi e perversi scrittor.

Cos’è che ti porterò a vedere? Con cosa ti stupirò?
Guarda la giostra macchiata, deserta continua a girar.
Senza l’odore di dolci e canditi continua a girar. Ma grida più forte , se vieni e per farti sentir.

No Comments

Post a reply

Copyright © Riserva Moac 2015 - Visual designer: Paolo Sapio
Please wait...

Hey!!! Keep updated with Riserva Moac newsletter!

Want to be notified about Riserva Moac? Enter your email address and name below to be the first to know.